• Tutela dell'ambiente e i beni comuni
  • Elezioni CSM
  • Elezioni CSM - I candidati rispondono
  • Le nuove frontiere dell'immigrazione
  • Ius soli
  • Interventi al Congresso
  • Slide
  • Borsellino
  • Falcone
 
Risultati
Ringraziamo i magistrati che con il loro voto ci hanno dato fiducia. Chiediamo loro di accompagnarci nella attuazione del nostro programma di cambiamento del CSM e di rilancio del gruppo, che è – e si conferma – punto di riferimento della magistratura progressista
Elezioni CSM 2018
Programma Cassazione
La Corte di Cassazione è "assediata" da un numero di procedimenti che non ha eguali in nessuna Corte Suprema nel mondo. Il suo funzionamento deve tornare al centro dell'attenzione del CSM perché fondamentale per ogni progetto di politica giudiziaria
Eguaglianza di genere
Se ne è parlato a Roma in una tavola rotonda cui hanno partecipato tutte le candidate alle elezioni per il rinnovo del CSM
VIDEO 
Sanlorenzo: io sto con Mattarella
Aggredire l’equilibrio dei poteri disegnato dalla nostra Costituzione significa attaccare la collocazione della magistratura, il cui Consiglio Superiore è presieduto dal Presidente della Repubblica
Nessuno si salva da solo
UN PATTO COMUNE PER IL NUOVO CSM
Proponiamo un patto comune che porti al recupero di una pienezza di rappresentatività del Consiglio Superiore nel quale tutti i magistrati si devono poter riconoscere e al quale tutti i magistrati devono poter guardare con fiducia ed orgoglio
Dopo i primi soccorsi in acque internazionali ed il trasferimento dei naufraghi sulla Nave Aquarius, il Governo ha negato un porto di sbarco in Italia a 650 migranti, tra cui numerosi minorenni, bambini, donne in stato di gravidanza. Vi è grande preoccupazione per la loro sorte.
Esprimiamo un forte richiamo alla Costituzione, agli obblighi internazionali, alla CEDU e alle norme giuridiche e morali che l’Italia dovrebbe rispettare in tema di accoglienza.
Gestione nomine
Il comune di Bari ha sospeso l’agibilità del palazzo che ospita il tribunale penale e la procura della Repubblica di Bari. Un pezzo dello Stato viene abbandonato al degrado nel silenzio della politica
Il documento approvato dalla settima commissione fornisce una soluzione equilibrata a molti dei problemi sollevati dopo la modifica delle norme che disciplinano i rapporti tra Procuratori Generali e Procuratori della Repubblica
Con una nota firmata dal segretario generale del CSM e – a quanto si apprende – non conforme ad alcun deliberato della competente commissione consiliare, è stato chiesto a tutti i magistrati entrati in servizio nell'ultimo decennio di rispondere ad un questionario sulle modalità seguite per la preparazione del concorso. Vigileremo affinché la privacy dei magistrati sia rispettata com'è doveroso che sia per ogni cittadino
Con un intervento gravemente censurabile nel metodo e nel merito, il legislatore consente ai componenti togati del Csm di assumere incarichi dirigenziali o incarichi fuori ruolo appena cessati dall’incarico: non se ne sentiva il bisogno
L’assemblea generale tenutasi a Roma Sabato 2 dicembre ha deliberato all'unanimità lo svolgimento delle consultazioni "primarie" per la selezione dei candidati di AreaDG alle prossime elezioni del Consiglio Superiore della Magistratura
Si rivelano prive di fondamento le notizie allarmistiche che parlavano di “svolte dirigiste” e “derive autoritarie”. Il testo non risolve i molti snodi critici determinati dalla gerarchizzazione voluta dalla riforma ordinamentale del 2006, ma mira a contenerne gli effetti a tutela dell’indipendenza interna dei pubblici ministeri
I dati sui passaggi di funzioni da giudicante a requirente e viceversa denunciano una situazione di sostanziale divaricazione dei percorsi professionali di giudici e pubblici ministeri nella direzione di una sostanziale separazione delle carriere.
In direzione ostinata e contraria, AreaDG propone un'inversione di rotta: il ripensamento di un assetto ordinamentale che impedisce la condivisione di un percorso di crescita professionale completo, articolato, animato da un comune sentire; una valorizzazione del mutamento di funzioni come strumento per una vera e progressiva formazione comune.
Vi invitiamo a leggere
Il Parlamento italiano non sprechi questa occasione per assicurare dignità, legalità e sicurezza ai minori italiani senza cittadinanza che altrimenti sarebbero privati dei diritti fondamentali, quali il diritto alla salute, allo studio, alla libera circolazione, ed alla stessa autodeterminazione in fondamentali scelte di vita
Il 15 luglio 2017, a seguito del passaggio di consegne da parte del Coordinamento uscente, si è insediato il nuovo Coordinamento nazionale di AreaDG, che ha eletto all’unanimità Segretario generale Maria Cristina Ornano.
Il Coordinamento nazionale di AreaDG ringrazia i componenti del Coordinamento uscente per il grandissimo e proficuo impegno profuso a favore del gruppo e per gli importanti risultati raggiunti.
Ci aggiungiamo a quanti chiedono al Parlamento di non approvare la legge sulla tortura nel testo attualmente in discussione. Dopo tanti anni di attesa, l'Italia avrebbe una legge distante dalle convenzioni internazionali e sarebbe inadempiente alle indicazioni della Corte Europea dei diritti dell’uomo
È necessaria ed urgente una riflessione sui criteri che devono guidare l’azione e le scelte discrezionali del Csm in materia di nomine. Auspichiamo l’adozione di criteri selettivi trasparenti e verificabili. Può essere utile a tal fine: ripensare l’opportunità di reintrodurre fasce di anzianità, volte a valorizzare la durata della concreta esperienza giudiziaria e l’efficacia dei risultati raggiunti nel corso della stessa, come affidabili indici di maturità professionale e capacità organizzativa; attribuire rilevanza alla specializzazione rispetto alla funzione da svolgere
Condividiamo l’iniziativa della sesta commissione del CSM che propone di chiedere al Ministro della Giustizia di modificare il comma 5 dell'art. 18 del D.Lgs. 177/2016 ma ci preoccupano i contenuti ed i toni delle critiche espresse dal Capo della Polizia a questa iniziativa
Risultati
Ringraziamo i magistrati che con il loro voto ci hanno dato fiducia. Chiediamo loro di accompagnarci nella attuazione del nostro programma di cambiamento del CSM e di rilancio del gruppo, che è – e si conferma – punto di riferimento della magistratura progressista
Elezioni CSM 2018
Programma Cassazione
La Corte di Cassazione è "assediata" da un numero di procedimenti che non ha eguali in nessuna Corte Suprema nel mondo. Il suo funzionamento deve tornare al centro dell'attenzione del CSM perché fondamentale per ogni progetto di politica giudiziaria
Eguaglianza di genere
Se ne è parlato a Roma in una tavola rotonda cui hanno partecipato tutte le candidate alle elezioni per il rinnovo del CSM
VIDEO 
Sanlorenzo: io sto con Mattarella
Aggredire l’equilibrio dei poteri disegnato dalla nostra Costituzione significa attaccare la collocazione della magistratura, il cui Consiglio Superiore è presieduto dal Presidente della Repubblica
Convegno

Le risorse per l’organizzazione
e l’organizzazione delle risorse

Roma, 23 febbraio 2018 - ore 15.30
Aula Biblioteca
Procura generale Corte d’Appello di Roma
Video tratto dal sito di Radio Radicale

Il convegno è stato una preziosa e interessante occasione di confronto sui temi dell’organizzazione e dell’innovazione: dalle risorse, all’interrelazione tra i coprotagonisti dell’organizzazione giudiziaria, al rapporto e alla costruzione della rete con il territorio, fino alle nuove sfide per l’autonomia e l’indipendenza della magistratura nell’era digitale.

È emersa una grande ricchezza di temi e questioni di enorme rilievo per la giurisdizione e il grande interesse su di essi da parte dei magistrati di Area Democratica per la Giustizia.

Nel ringraziare i relatori e i colleghi che hanno partecipato all’importante iniziativa, oltre alla registrazione integrale dei lavori realizzata da Radio Radicale che qui riportiamo, saranno a breve pubblicati su questo sito i documenti dei lavori.

AreaDG si impegna ad organizzare nei prossimi mesi seminari di approfondimento sui temi del convegno.

AreaDG ricorda con gratitudine
l’esemplare insegnamento di Stefano Rodotà
,
maestro di diritto, giurista appassionato e moderno, illuminato interprete della Costituzione, e piange, con la sua scomparsa, la perdita di una figura che ha onorato la politica, servito le istituzioni, reso un altissimo servizio alla Repubblica, alla cultura, al Paese. Le idee e la visione del diritto e della giustizia di Stefano Rodotà sono state una guida imprescindibile per tutti noi, e siamo certi sopravviveranno, con la loro straordinaria forza, alla sua dolorosa scomparsa

Assemblea generale

Napoli, 28 maggio 2017
Dai distretti
Incontro
Presentazione del libro
L'assedio. Troppi nemici per Giovanni Falcone
con Giovanni Salvi e l'Autore, Giovanni Bianconi

Catania, 17 luglio 2017

Chi siamo

“Siamo magistrati italiani ed europei, orgogliosi di far parte di una magistratura indipendente e autonoma, che, proprio perché tale, è stata capace di far fronte al terrorismo e alle mafie e di tutelare i diritti fondamentali delle persone. Siamo consapevoli che l’evoluzione del ruolo del magistrato e il crescente rilievo della giustizia nella vita collettiva sottolineano l’esigenza della professionalità, della responsabilità e della deontologia del magistrato. La Costituzione è il nostro punto di riferimento nell’esercizio della giurisdizione e nell’autogoverno. Area nasce da un’idea di giustizia come esigenza inalienabile di ogni persona, bene comune e funzione pubblica al servizio della società. Vogliamo realizzarla, partendo e beneficiando dell’esperienza e del patrimonio storico e ideale di Magistratura Democratica e del Movimento per la giustizia-Art. 3.”

 

segue